Chi è il Cake Designer?

Sfogliando riviste o quotidiani, non sarà difficile leggere titoli come “Cake Designer le nuove Star”; i titoli a volte ingannano. Se  dovessi  trovare un nome diverso a questa professione sicuramente la chiamerei Kalì, si come la dea dalle tante braccia; Kalì dovrebbe saper fotografare come Dorothea Lange, progettare grafica pubblicitaria, programmare con assoluta conoscenza di social network e dell’informatica in generale, capacità manageriali innate, conoscenza di svariate lingue, avere incorporato un hard disk non rimovibile di tutta la storia delle tecniche,  ricette della pasticceria nazionale e internazionale e, ovviamente, Kalì è un artista e tutto ciò che tocca diventa arte.

Dimentichiamo Kalì, "nessuno nasce imparato", tutte le Cake Designer che vedete in tv o su riviste, hanno dovuto imparare, e come sono diventate famose? Come hanno fatto a far diventare la loro passione un lavoro?

E’ giusto dire che di Cake Designer in Italia, ne esistono poche, e a volte sono sconosciute alla cronaca mondana, perché non basta decorare una torta di polistirolo per avere questo titolo, un titolo che per molto tempo è stato rinnegato perché troppo inflazionato e storpiato.

Per definirsi tale è necessario progettare e realizzare o far realizzare opere di pasticceria nel proprio o altrui laboratorio; ma seguendo delle regole di etica.

Di queste poche professioniste, alcune domani apriranno il loro registro di cassa e a fine anno chiuderanno la loro attività, costata mutui in banca (a volte con parenti che è peggio), varie ernie, lussazioni a volte separazioni con mariti e suocere insofferenti.

Sicuramente uno scenario apocalittico ma essenzialmente veritiero.

Esistono poi una grande maggioranza di Cake Designer/mamme che cercano di portare avanti la loro famiglia perché hanno perso il lavoro, ovviamente il loro sogno nel cassetto è quello di poter aprire un laboratorio,  Guarini, diceva “ State molto attenti con i vostri sogni, perché corrono il rischio di avverarsi”, ed è proprio così perché  fare questa professione non è facile.

In Italia, non si è ancora capito bene che prima di un nome, prima di un laboratorio viene la serietà e  la correttezza, se io realizzo delle belle e buone cose e le svendo, (perché  non ho una posizione regolare o perché mi trovo in un piccolo paese di bifolchi) non solo ho danneggiato me, ma ben presto il cake design sarà un lontano ricordo.

Molti di voi sapevano già queste cose. Perché nasce il progetto CdInside, nasce per fare chiarezza, per dare delle regole non solo alla formazione, ma anche alla vendita, alle attuali normative, ma non vuole aprire nessuna caccia alle streghe!!!!! Chi vorrà regolazzarsi avrà a disposizione strumenti e professionisti per farlo, chi vuole lavorare in nero, perchè a quel punto sarà solo un fatto di volontà, continuerà a farlo perchè è un'abitudine tutta Italiana, noi speriamo, però, che siano veramente pochi.

Non è certo un progetto che cambierà l’attuale situazione, ma è l’unione e la passione di chi segue questo sogno, per necessità o per volontà.

Definizione di Cake Designer.

Il Cake Designer si occupa della progettazione di una torta a tema e della sua realizzazione in locali adatti, che possono essere di  proprietà o di terzi, con cui si è stabilito un accordo, regolato da leggi igienico/sanitarie/amministrative.

I  più famosi Cake Designer si avvalgono della collaborazioni di pasticceri e decoratori specializzati.

I Cake Designer deve avere profonde conoscenze di pasticceria, anche se la torta dovesse venire eseguita da suoi collaboratori, poiché potrà conciliare in fase di progettazione,  il gusto del bello e del buono. Non tutti i C.D. hanno un laboratorio, ma riescono a svolgere la loro professione, avvalendosi di una fitta rete di collaboratori sul territorio nazionale, che eseguono il  progetto con la sua collaborazione.

Il cliente non sempre si rivolge alla pasticceria, molte volte si indirizza direttamente dal Cake Designer, per avere un'opera unica e indimenticabile, il professionista indirizza il cliente alla pasticceria, con cui collabora, per il ritiro dell’opera eseguita a regola d’arte.